Informazioni Turistiche

Informazioni Turistiche

Tutte le indicazioni per organizzare al meglio la tua visita a Milazzo, dal come arrivare al come spostarsi.

 

More...
Eventi e Mostre

Eventi e Mostre

Manifestazioni in ogni periodo dell’anno: mostre d’arte, festival, concerti, rievocazioni storiche e sagre.

 

More...
Arte e Musei

Arte e Musei

Il castello, le chiese, i palazzi, le ville: consigli su cosa merita di essere visitato a Milazzo e dintorni.

 

More...
Escursioni

Escursioni

Dalle isole Eolie a Taormina da Capo D'Orlando all'Etna, tutto quello che può offrire il territorio circostante.

 

More...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
Italian English French German Russian Spanish

scopri milazzo web 220

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

CHIESA DI S. MARIA MAGGIORE

Edificata tra il 1610 e il 1621, venne dedicata a S. Elmo e successivamente, nel 1632, a Gesù e Maria, per essere poi denominata definitivamente S. Maria Maggiore dal 1755.

La costruzione è il risultato di interventi vari, rococò negli interni, neoclassici all'esterno, sulla originaria struttura di cui non è più dato coglierne i caratteri. Chiaro risulta invece il rapporto con la chiesa di S. Giacomo che la fronteggia: esse dovevano chiudere in maniera monumentale il tratto più centrale della Marina.

La chiesa è a navata unica con abside semicircolare e vi si accede da un ampio sagrato.

navata web

La facciata è ad ordine unico con schiacciate paraste ioniche su alto basamento liscio, sovrastata da un pesante attico triangolare.

facciata web

La porta è di semplice disegno e ha ai lati due lapidi in memoria di un celebre episodio che vide il tempio protagonista: Garibaldi, al termine della vittoriosa battaglia del 20 luglio 1860, temendo un'improvvisa offensiva notturna dei Borbonici assediati nel Castello, si riposò sul sagrato della chiesa.

lapide-a-garibaldi-web

L'interno è impreziosito da decorazioni e la volta da affreschi del Manni datati al 1762: la Presentazione di Gesù al Tempio (nell'abside), Gesù che caccia i mercanti dal tempio (al centro della navata),

gesu che caccia i mercanti web

tre lunette rappresentanti La Vergine che vince sul male e protegge la Chiesa di Cristo, la Cecità di Abramo e la terza dedicata a Davide. A destra una nicchia con l'effigie di S. Espedito del XVIII secolo, seguono due altari con tele del Settecento: il Bambino Gesù circondato da Santi e Beati e l'Immacolata con S. Girolamo e S. Elmo.

Immacolata-con-san-girolamo-e-s.-elmo-web

Sul lato opposto due pale d'altare: Trinità con due Sante

trinita-con-sante-web

e il Crocifisso con la Madonna, S. Giovanni e la Maddalena risalenti al Settecento. L'altare maggiore di stile neoclassico in marmi policromi è del 1750, con bassorilievi in marmo di Carrara

bassorilievi

e tre opere di Scipio Manni raffiguranti la Madonna della Neve,

madonna della neve web

la Natività

gesu bambino web

e l'Adorazione dei Magi.

adorazione dei magi web

Un gruppo di angeli in stucco regge uno stemma che orna l'arco trionfale. Putti e festoni ornano le finestre che si aprono nella navata sopra gli altari.

Il coro ligneo è del 1775, il pulpito è del 1758, mentre il fonte battesimale

fonte-battesimale.web

forse appartenne ad una chiesa più antica per poi essere trasferito in questa tra il XVII e il XVIII secolo. Da segnalare un sepolcro neoclassico dei patrizi Calcagno del 1880, posto dirimpetto al pulpito e quello Greco Picciolo risalente al 1869. Inoltre, durante i restauri del 1974, è stata portata alla luce l'antica cripta il cui accesso è posto tra l'altare maggiore e il fonte battesimale.