CHIESA DI S. GAETANO O DELLA MADONNA DELLA CATENA

Edificata nel Quattrocento da Spagnoli della Catalogna, venne dedicata inizialmente alla Vergine della Catena. Nel tardo Seicento, in seguito alla santificazione di Gaetano da Thiene (1671), assunse la nuova denominazione.

La facciata è ad ordine unico, con una bella porta rococò sormontata da un nudo finestrone. La porta laterale, con paraste e capitelli corinzi, è di raffinata fattura rinascimentale.

Nel 1621 venne creata la piccola cupola su basso tamburo finestrato e lanterna, ispirata a quella del nuovo Duomo. Agli anni 1750-55 risale il portale dell’ingresso principale.

La chiesa è a navata unica con abside quadrangolare coperta da elegante cupola con lanternino.

I quattro altari laterali erano alloggiati entro nicchie alternate a paraste: i due di sinistra dedicati a S. Pietro e S. Andrea e alla Madonna della Vittoria, mentre i due altari di destra erano dedicati al Crocefisso e a S. Gaetano.

Un grande olio iconografico dell’ultimo Settecento, che era posto sull’altare maggiore, rappresenta laMadonna della Catena assieme a S. Bartolo, S. Lorenzo e S. Stefano.

Nel 1943 la caduta di una bomba aerea inesplosa provocò il crollo del tetto e il danneggiamento di alcune opere.